Crea sito

‘Donne in Rivolta’, a Monteleone di Puglia la rievocazione storica è diversa. Appuntamento il 12 agosto

Estate, tempo di cortei, rievocazioni storiche medievali, rinascimentali; non c’e comune, non c’è pro loco che non ne organizzi una: può essere una semplice sfilata di dame, gentiluomini, cavalieri, armati, vescovi; o una gara di tiro all’arco o con la balestra; pranzi o cene medievali; feste, investiture; mostri e magie, disfide, chiarine, tamburi, sbandieratori, giocolieri rievocazione di fatti più o meno veri o totalmente inventati a beneficio turistico Vi è una ubriacatura del periodo medievale-rinascimentale, che è generale. Materia da sociologi, per spiegare perché fa tanta presa sull’immaginario collettivo quel periodo e non poniamo, il Settecento o l’Ottocento, o il Novecento. Eppure l’Ottocento si presterebbe e come; è forse il secolo più importante per noi per la nostra Unità. Ma è snobbato, salvo qualche eccezione sul brigantaggio, rivisto in chiave eroica; negli Stati Uniti c’è l’epopea del West; da noi forse più nemmeno la memoria della nostra storia. Oltre i sociologi, questo dovrebbero spiegarcelo anche i politici e la scuola. E il novecento con le due guerre?
Meritoria quindi la rievocazione del tutto particolare che ha rivoluto l’amministrazione di Monteleone di Puglia, un paesino di poco più di mille abitanti, a 842 metri, sui Monti Dauni, dopo il successo di cinque anni fa.
Si tratta di un pezzo di storia vera, di un fatto accaduto il 23 agosto 1942: il “ribello”, cioè la rivolta delle donne esasperate nel periodo fascista per i soprusi ed il razionamento . Fu un atto di ribellione tutto al femminile – del resto gli uomini erano in guerra – in questo paesino di montagna, contro il regime, con assalto alla caserma dei carabinieri e al municipio. Ne parlò perfino Radio Londra.
E’ questo che Monteleone rievoca, un pezzo del suo passato; non dame eleganti, ma povere contadine straccione e affamate, che scontarono la loro rabbia ed il loro coraggio con processi e carcerazione anche a Fascismo tramontato.
Lo spettacolo è fissato il 12-8-2017, alle ore 21,45 nella piazza del paese, ove effettivamente si svolsero gli avvenimenti. Viene rivissuta l’esasperazione, lo scontro con i Carabinieri, l’assalto al municipio, la distruzione di tutti documenti che, a fasci, si buttavano dalle finestre, ed in piazza si bruciavano. E’ questa la scena finale di grande suggestione: una linea di fuoco sotto tutte le finestre del municipio, da dove continuano a piovere fascicoli e documenti. Decine e decine di comparse in costumi d’epoca, curati da Vize Ruffo; l’organizzazione è dell’Associazione Teatrale Tanino, la regia di Gaetano Doto. Patrocinio del dipartimento di Scienze Umanistiche, sociali e della formazione dell’ Università degli Studi del Molise e della Rivista telematica Nuovomeridionalismostudi.it .

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione clicca sul pulsante ACCETTO maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Nuovomeridionalismostudi.it utilizza solo “cookie tecnici”. Nello specifico Nuovomeridionalismostudi.it utilizza specifici plugin per monitorare l’andamento delle visite sul proprio portale. Su Nuovomeridionalismostudi.it sono presenti funzioni social collegate ai principali social network quali Facebook, Twitter, Google +, Google Maps, YouTube, Vimeo.

Chiudi